Eccomi qui con una nuova ricetta!
Questo è un primo particolare che racchiude buona parte dei sapori e odori della mia terra, l’Emilia Romagna. Curiosi di sapere come sono fatti? Eccovi la ricettina!

INGREDIENTI PER 3 PERSONE:

Per la pasta all’uovo (sfoglia):
– 2 UOVA
– 100 GR DI FARINA 00
– 100 GR DI FARINA DI MARRONI

Per il ripieno:
– 200 GR DI MORTADELLA
– 150 GR DI ASPARAGI
– UN PIZZICO DI PEPE E SALE

Per la fonduta:
– 200 GR DI PANNA LIQUIDA
– 200 GR DI PARMIGIANO REGGIANO GRATTUGGIATO 
– UNA NOCE DI BURRO (FACOLTATIVA)
– UNA SPOLVERATA DI NOCE MOSCATA 

 PROCEDIMENTO:

Per prima cosa preparate il ripieno.
Lavate gli asparagi, tagliateli a metà, tenete quella superiore per il vostro ripieno e sbollentate il tutto in acqua per 10 minuti (non dovranno diventare troppo morbidi).

A parte, tagliate a cubetti la mortadella e quando gli asparagi saranno cotti mettete il tutto in un mixer e sminuzzate fino ad ottenere un composto bello compatto. Se necessario aggiungete un pizzico di pepe e un pizzico di sale.

Pronto il ripieno, preparate la sfoglia.
Su di un piano, mettete le due farine a fontana e al centro rompete le uova. Aiutatevi inizialmente con una forchetta e successivamente impastate con le mani fino ad ottenere una palla compatta e non appiccicosa. Stendete la pasta con un mattarello fino a raggiungere lo spessore di mezzo centimetro.
Con un coppapasta quadrato tagliate la sfoglia, al centro di ogni quadrato mettete un cucchiaino di ripieno e chiudete a metà la pasta per creare il triangolo. Fatti tutti i triangoli, mettete l’acqua sul fuoco e fatela arrivare a bollore.

Nel frattempo preparate la fonduta: mettete la panna in un pentolino e scaldatela (non deve bollire!). Man mano versate il parmigiano e mescolate con una frusta. Grattugiate all’interno un po’ di noce moscata e se necessario, per addensare di più, unite anche una noce di burro. Spegnete il fuoco e lasciate la fonduta da parte.

Salate l’acqua dei triangoli, versateci un goccio di olio d’oliva per evitare che si attacchino tra loro e buttateli.
Dopo appena tre minuti scolateli e componete il piatto!


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.