Impossibile non amare questo dolce: la Sachertorte o torta Sacher detta all’italiana, è una torta al cioccolato inventata da Franz Sacher per Klemens Von Metternich il 9 luglio 1832 a Vienna, in Austria. 
L’invenzione della Sachertorte risale al periodo della Restaurazione, quando alle dipendenze dell’allora Ministro degli esteri Klemens Von Metternich vi era il giovane pasticcere Franz Sacher, il quale amava particolarmente il cioccolato. 
Ancor oggi i segreti della torta Sacher sono gelosamente custoditi dalla pasticceria dell’Hotel Sacher di Vienna, che ne produce artigianalmente oltre 270.000 pezzi all’anno.
La Sachertorte originale è protetta da un marchio di fabbrica e, ad oggi, non esistono al mondo licenze per la rivendita di questo prodotto. Esistono invece centinaia, forse migliaia di imitazioni.
Oltre all’Hotel Sacher di Vienna, la torta Sacher originale si può trovare anche all’Hotel Sacher di Salisburgo, presso le filiali Café Sacher di Innsbruck e Graz, presso la zona duty-free dell’aeroporto di Vienna e nell’on-line shop nel sito ufficiale dell’Hotel Sacher.
Fuori dall’Austria invece l’unico posto dove la si può trovare è nel Sacher Shop di Bolzano. 

Bene, dopo questa breve storia di questo meraviglioso dolce, vi presento la mia versione!
Ovviamente classica e gustosa e un po’ lunga nella realizzazione, ma il successo sarà assicurato!  

INGREDIENTI:

Per la pasta biscotto:
-50 GR DI FARINA 00
-40 GR DI FECOLA DI PATATE
-120 GR DI ZUCCHERO A VELO
-3 UOVA
-20 GR DI CACAO AMARO 
-1 CUCCHIAINO DI LIEVITO PER DOLCI
-UNA BUSTINA DI VANILLINA
-UN PIZZICO DI SALE
-MARMELLATA DI ALBICOCCHE Q.B. 

Per la bagna alla vaniglia: 
-300 GR DI ACQUA
-300 GR DI ZUCCHERO
-AROMA DI VANIGLIA

Per la ganache al cioccolato fondente: 
-300 GR DI CIOCCOLATO FONDENTE
-250 GR DI PANNA FRESCA
-50 GR DI MIELE 

PROCEDIMENTO:

Cominciamo con la realizzazione della pasta biscotto.
Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale. In un altro contenitore frullate i tuorli con lo zucchero a velo , la vanillina e il lievito. Ad ultimo aggiungete la farina , la fecola e il cacao setacciato. Successivamente amalgamate insieme i due composti facendo attenzione con la spatola girando dal basso verso l’alto per non smontare il tutto.

Ricoprite la teglia del forno classica che usate anche per fare la pizza (28X40 circa) con carta da forno e versate il composto formando uno strato uniforme.
Infornate a 180° per 10 minuti.

Capovolgete la pasta biscotto su carta da forno cosparsa con zucchero a velo. Togliete la carta da forno della cottura bagnandola con un pò d’acqua.
Lasciate raffreddare bene la vostra pasta biscotto. Una volta fredda ricavate tre dischi della stessa grandezza.

Nel frattempo realizzate la bagna alla vaniglia mettendo in un pentolino acqua e zucchero e quando inizia a bollire aggiungete l’aroma di vaniglia.
Togliete dal fuoco e lasciatela intiepidire. Su ogni disco di pasta biscotto, spennellate un po’ di bagna alla vaniglia.

Cominciate così a costruire la torta: primo disco, bagnatelo con la bagna ottenuta, distribuiteci sopra un velo di marmellata di albicocche e disponete sopra il secondo disco. Continuate così per tutti e tre gli strati, compreso l’ultimo. Premete  bene la torta per compattarla e mettetela in frigo.  

Ora dedicatevi alla ganache al cioccolato.
Mettete a bollire la panna con il miele mescolando di tanto in tanto e spezzettate il cioccolato fondente in una ciotola. Appena la panna sfiora il bollore versatela nella ciotola con il cioccolato e mescolate il tutto fino a che non otterrete una crema liscia e omogenea. Lasciate intiepidire la ganache fino a che non avrà raggiunto una consistenza molto cremosa e compatta. 

Tirate fuori dal frigo la torta e mettetela su una gratella per dolci.
Versate sopra alla torta la ganache livellandola bene con una spatola.
Lasciate rassodare la ganache, mettete in frigo la torta e prima di servirla decoratela a piacere con gocce di cioccolato o con la classica scritta “Sacher”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.