Ebbene sì, anche io mi sono messa di impegno, mani in pasta e ho realizzato la pizza più buona che in casa mia sia mai stata fatta.
Spopola sul web in ogni blog, ma io vi scrivo la ricetta ugualmente, e se vi va, postate le vostre foto su instagram e fatemi vedere la vostra pizza! Ah, piccolo accorgimento: in molte ricette ho trovato l’utilizzo di farina 0 (manitoba), ma io ho seguito alla lettera il buon Bonci e ho evitato le farine raffinate per rendere il tutto ancora più digeribile! 

INGREDIENTI (per 2 teglie 40×32): 

– 1 KG DI FARINA TIPO 1
– 650 ML DI ACQUA 
– 20 GR DI SALE
– 7 GR DI LIEVITO DI BIRRA SECCO ( 25 GR LIEVITO DI BIRRA FRESCO)
– 40 ML DI OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA 

PROCEDIMENTO: 

Innanzitutto procuratevi una ciotola in vetro, un cucchiaio e tutti gli ingredienti pesati: non servirà altro! Dai 650 ml di acqua prelevatene 150 ml e scaldatela leggermente per scioglierci il cubetto di lievito di birra (io ho fatto così, ma se usate quello secco lo dovete aggiungere alla farina senza dover fare questo passaggio!).

Nella ciotola mettete la farina 1, l’acqua con il lievito sciolto e iniziando a mescolare con il cucchiaio, unite poco alla volta la restante acqua tenendone un goccio per la fine (di modo da evitare che possa essere troppa e di conseguenza dover aggiungere più farina). Quando vedete che si inizia a formare la massa della pizza, unite il sale, l’olio extravergine di oliva e se serve, il goccio di acqua tenuta da parte. Mescolate ancora due minuti e versate l’impasto su una spianatoia infarinata.
A questo punto realizzate le cosiddette “PIEGHE DI RINFORZO”: portate l’estremità superiore del panetto verso di voi, girate il panetto di 180° e ripetete l’operazione così per 5/6 volte.
Vi consiglio comunque, per questa parte, di guardare dei video su youtube, saranno perfetti e non sbaglierete una mossa!Una volta pronto il panetto, ponetelo all’interno di una ciotola ben unta di olio e coperta con della pellicola trasparente e riponete il tutto nello scomparto più basso del vostro frigo per 24 ore. 

Passate le 24 ore, tirate fuori dal frigo la vostra pizza che avrà lievitato enormemente e lasciatela due ore, sempre coperta, a temperatura ambiente. Trascorse anche le due ore, versate l’impasto su una spianatoia infarinata e dividetelo in due con una spatola (non usate un coltello, sarebbe un gesto troppo “stressante” per la pizza lievitata!).

Prendete due teglie ben unte di olio (abbondate, non abbiate paura, la dieta la faremo il giorno dopo!) e stendeteci all’interno una metà dell’impasto cercando di allargarla per tutta l’area della teglia utilizzando semplicemente i polpastrelli, senza fare troppa pressione e cercando di non rompere le bolle che si sono formate durante la lievitazione. 

Una volta steso anche l’impasto, lasciate riposare un’altra ora. Trascorsa anche quest’ora, potrete farcirle come più vi piace e dovrete cuocere la vostra pizza a 250° (forno statico, preriscaldato) per 10 minuti nella parte più bassa del forno, poi 15 minuti nel ripiano centrale! 

Avete domande? Scrivetemi tutto nei commenti qui sotto, vi risponderò in una batter d’occhio! Buon appetito!


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.